Paolo Fresu

trombettista jazz

Provenienza: 
Berchidda
Risiedo: 
Gerusalemme
Israele

Paolo Fresu

Trombettista jazz (Gerusalemme)

Pauleddu fit unu piseddu cuntentu e abbistu.

Passaiat sas dies in campagna joghende cun sos animales chi curriant in tundu a sa domo ‘ue aiant vividu sos ajos ei sos bisajos suos. 
Bi fit su cane preferidu cun su pilu ruju chi si naraiat Bù, sos ‘attos Mussi e Raissa, duas puddas, unu puddu, duas ocas o duos polchedduzzos. 

Cando Pauleddu no andhaiat a campagna viviat cun sos suos in una ‘iddha minoredda chi si jamaiat Berchidda e chi fit in una isula in mesu a su mare. 
Fit unu piseddu bravu e contivizzosu chi andaiat de bonu coro a s’asilo attraessende sa via principale de sa ‘idda cun una cartella biaitta e una fardetta bianca cun un’oca ruja pintada in su pettus e chi li ammentaiat sos animales suos. 

Ma cando fit in sa campagna de Tuccone cun su babbu fit su piseddu pius cuntentu de su mundu. 
Ca podiat jogare fora et, ‘onzi tantu podiat dare una leada ‘e manu in sas faccendas de ‘onzi die. 
E fit festa cando arriviat su trattore o in tempus de binnenna ma li piaghiat puru a dare s’abba in s’ortu et a biere creschere sa pumatta, sas zocchittas ei sas fraulas chi li piaghiant meda. 

Sutta su suerzu mannu b’aiat una banzigallella… 

Cando arriviat s’istiu Pauleddu ei sa familia sua partiant sa dominiga pro andare a su mare. 
In sa chimbichentos bianca ‘ezza garrigaiant su canotto, s’ombrellone mareadu, un’upu aranzone cun sa palitta ‘irde e una sindria manna de mandigare posca de aere fattu su bangiu. 
Ma Pauleddu timiat su mare e not impareit mai a nadare. 
E poi s’ischit… posca de aere mandigadu not bisonzat mai de faghere su bangiu prima de aere digiridu! 

A Pauleddu piaghiat meda sa musica e s’incantaiat a l’iscurtare in sa radio e a iscurtare sa Banda cando passaiat burdellosa in sas carreras. 
Su babbu li regaleit un’armonica a bucca e isse not finiat mai de bi sulare intro. 
Bi sulaiat puru in s’iscola, ‘ue apprendeit tantas cosa et ‘ue sonaiat pro sos cumpanzos suos e pro sos mastros ei sas mastras. 

Ma sa festa pius manna isteit su carrasegare cando arriveint tottu sos amigos de su babbu e de sa mama sa sera de laldajolu. 
Ca Pauleddu incominzeit a sulare intro s’armonica a bucca cun tale furia chi totu si ponzeint a ballare e a imbolare in s’aera sas istellas filantes ei sos coriandolos mareados. 

Poi arriveit sa trumba de sos sonnios chi ‘idiat passare in sas carreras cun sa Banda. 
La toccheit cun sos poddighes e bi suleit intro faghende ‘olare su sonu in sas nues chi li rispondeint cun unu allegru cunzertinu. 

Pauleddu iscoberzeit de essere finalmente unu musicista e de essere ancora cuntentu coment’e cando iscurrizzaiat in sa campagna sua de Tuccone tra sos animales, sa ‘inza ei s’ortu. 
Custa ‘orta su sonu ‘e su trattore lu podiat faghere cun sas notas de sa trumba e forsi aiat potidu jughere sa musica sua fatt’a su mundu. 
Fit talmente cuntentu chi s’amiga trumba li pariat gasi manna e bella chi bi podiat drommire intro. 

Fit bennidu su momentu de partire. 
Cun sa trumba e cun sa campagna de Tuccone cun sos animales suos in su coro. 
Pauleddu fit caleschidu. 
Ca como aiat potidu ‘iere su mundu e poi torrare a domo pro lu contare a su babbu e sa mama, a su cane Bù cun su pilu ruju et sa sos ‘attos Mussi e Raissa. 

Gireit su mundu in longu e in largu sonende pro sos piseddos de totu sos colores chi lu ripagaiant cun risos mannos e cun ballos. 
In Africa soneit in unu villaggiu a s’umbra de unu baobab e in sos Caraibi sutta unu bananu mannu e totu cantos si poneint a ballare et a applaudire. 

Cun sos amigos suos musicistas pigheit subra sos palcos de su pianeta sonende addainanti a tanta zente colorida e differente mentres su sonu de sa trumba sua leaiat a brazzetta cussu de sa fisarmonica cun su mantice zentile, de su su contrabbasciu mannu ‘e linna, de su sassofono ei du pianoforte ma a bortas sonaiant puru accumpanzende boghes bellas de zente chi contaiat de sonnios e de isperanzias. 
Pauleddu pensaiat de vivere in unu sonniu. 
E gasi fit. 
Oe ischit chi sa trumba sua est diventada sa ‘oghe pro raccontare custa bella istoria. 
S’istoria de su sonniu de Pauleddu chi at proadu a cambiare su mundu cun sas notas. 

* * * 

Il piccolo Paulu era un bambino felice e vivace. 

Passava le sue giornate in campagna a giocare con gli animali che scorrazzavano intorno alla casa di pietra dove avevano abitato i suoi nonni e i suoi bisnonni. 
C’era il suo cane preferito dal pelo rosso che si chiamava Bù, i gatti Mussi e Raissa, due galline, un gallo, due oche e due maialini. 

Quando Paulu non andava in campagna viveva assieme ai suoi genitori in un piccolo paese di nome Berchidda che era in un’isola posta in mezzo al mare. 
Era un bambino bravo e diligente che andava volentieri all’asilo scendendo per la via principale del paese con una cartella azzurra e un grembiulino bianco con un’oca rossa sul petto che gli ricordava i suoi animali. 

Ma quando era nella campagna di Tucconi con il papà era il bambino più felice del mondo. 
Perché poteva giocare all’aria aperta e, di tanto in tanto, dare una mano nelle piccole faccende quotidiane. 
La festa era quando arrivava il trattore e il tempo della vendemmia ma amava anche innaffiare nell’orto e vedere crescere i pomodori, le zucchine e le fragole che gli piacevano tanto. 

Sotto la grande quercia c’era una altalena… Sopra l’altra quercia piegata dal vento la casa che si era costruito. Con una cassaforte e che era il luogo dove saliva a suonare la tromba lontano da orecchie indiscrete. 

Quando arrivava l’estate Paulu e i suoi genitori partivano la domenica per andare al mare. 
Sulla vecchia cinquecento bianca caricavano il canotto, l’ombrellone colorato, un secchiello arancione con la paletta verde e una grossa anguria che avrebbero poi mangiato dopo avere fatto il bagno. 
Ma Paulu aveva una grande paura del mare o non imparò mai a nuotare. E poi si sa… dopo mangiato non bisogna mai fare il bagno prima di avere digerito! 

Paulu amava molto la musica e si incantava ad ascoltarla alla radio e ad ascoltare la Banda Musicale che passava strombazzante per le strade. 
Il papà gli regalò un’armonica a bocca e lui non smetteva di soffiarci dentro. 
Ci soffiava anche a scuola, dove apprese tante cose e dove suonava per i suoi compagni di classe e per i maestri e le maestre. 

Ma la festa più grande fu il carnevale quando arrivarono tutti gli amici dei genitori la sera del giovedì grasso. 
Perché Paulu iniziò a soffiare nell’armonica a bocca con tale foga che tutti si misero a ballare e a tirare per aria le stelle filanti e i coriandoli colorati. 

Poi arrivò la tromba dei suoi sogni che vedeva passare per la strada con la Banda. 
La sfiorò con le dita e ci soffiò dentro facendo volare il suono verso le nuvole che gli risposero con un allegro concertino. 

Paulu scoprì di essere finalmente un musicista e di essere ancora felice come quando scorrazzava nella sua campagna di Tucconi tra i suoi animali, la vigna e l’orto. 
Stavolta il suono del trattore poteva farlo con le note della sua tromba e forse avrebbe potuto portare la sua musica in tutto il mondo. 
Era talmente felice che la sua amica tromba gli sembrava talmente grande e bella che avrebbe potuto dormirci dentro. 

Era venuto il momento di partire. 
Con la sua tromba e con la campagna di Tucconi e i suoi animali nel cuore. 
Paulu era felice. 
Perché ora avrebbe potuto vedere il mondo e poi ritornare a casa per raccontarlo ai suoi genitori, agli amici, al suo cane Bù dal pelo rosso e ai gatti Mussi e Raissa. 

Girò il mondo in lungo e in largo suonando per i bambini di tutti i colori che lo ripagavano con grandi sorrisi e danze. 
In Africa suonò in un villaggio all’ombra di un baobab e nei Caraibi sotto un grande banano e tutti si misero a ballare e a battere le mani. 

Con i suoi amici musicistisalì sui più bei palchi del pianeta suonando davanti a tante genti colorate e diverse mentre il suono della sua tromba prendeva a braccetto quello della fisarmonica dal mantice gentile, del grande contrabbasso di legno, del sassofono e del pianoforte ma, a volte, suonava anche accompagnando le belle voci di gente che raccontava di sogni e speranze. 
Paulu pensava di vivere dentro un sogno. 
E così fu. 
Oggi sa che la sua tromba è diventata la voce per raccontare questa bella storia. 
La storia del sogno del piccolo Paulu che ha provato a cambiare il mondo con le note. 

Multimedia: 
Posizione: 
Condividi: 

Vedi anche

  • Nata ad Illorai (SS) nel 1957, sono una persona piena di vivacità, entusiasmo, spontaneità,...
    Vice Console Onorario
  • Sono nato a Cagliari e ho intrapreso a dodici anni lo studio del pianoforte con Arlette Giangrandi...
    Pianista
  • Sono nato ad Oristano, una bella cittadina della Sardegna centro-occidentale dove ho seguito gli...
    Neuroscienziato
  • Sono nato a Sassari nel 1960 ma sono cresciuto a Oristano. Già al liceo avevo sviluppato forti...
    Matematico e Filosofo
  • Sono nata a Cagliari da una famiglia di musicisti e, all´età di 5 anni, ho ricevuto le prime...
    Pianista
  • Sono nato nel 1953, a Tuili, piccolo paese della Marmilla ai piedi della grande Giara. Dopo le...
    Missionario Linguista
  • Sono nato a San Gavino Monreale nel gennaio 1975, da mia madre, Giuseppina e mio padre Pasquale,...
    Vulcanologo
  • Provengo da un piccolo paese dell’entroterra logudorese, Pozzomaggiore, dove ho vissuto sino ai...
    Fisico
  • Nata a Roma da padre sardo e madre romana, ho sempre trascorso gran parte dell’estate in Sardegna,...
    Docente Universitaria
  • Ho avuto la fortuna di nascere e vivere per ben 27 anni nella bellissima cittadina di Cagliari. Sin...
    Neuroscienziato
  • Anno 1974. Cagliari. Quartiere Fonsarda, Via Bandello. Sono nato e cresciuto in uno di quei...
    Trombettista - Ristoratore
  • Sono Sanlurese e da tanti anni faccio la spola tra Londra, Roma e la Sardegna. Ho studiato...
    Violinista e Direttore d'orchestra
  • IACOPO PINNA Produttore Musicale (Los Angeles) Sono nato ad Alghero nel 1988 e cresciuto ad Uri, un...
    Produttore Musicale
  • Sono nato e cresciuto a Cagliari, classe 1974, con madre cagliaritana e papà Buddusoino e questo,...
    Natural Mr. Olympia 2013
  • Sono nata a Cagliari, figlia di padre sardo e madre danese. Dopo il diploma presso il Collegio del...
    Artista
  • Sono nato a Oristano nel 1955.Tutto è iniziato nel 1965, all'età di 10 anni…Rientrando a Oristano...
    Guitar player - Composer
  • Sono nata a Oristano nel 1975 e ho vissuto a Pau, paese situato nell’alta Marmilla. Sono stata sin...
    Pianista
  • Sono nato a Oristano ma, dopo aver vissuto con i miei genitori a Torre Grande fino all’età di 4...
    Executive Manager
  • Sono nato a Nuoro nel 1975 e ho iniziato il mio percorso con la musica all’età di undici anni. La...
    Chitarrista compositore e sound designer
  • Sono nato a Cagliari nel 1972. La passione per la musica è iniziata quando ero molto piccolo, mio...
    Contrabbassista e compositore